Andrea Brintazzoli
photography




Preghiera

L’Islam, così come l’ebraismo, è una religione il cui modo di pregare è molto legato alla fisicità: un fedele in preghiera si prostra di fronte a Dio con il gesto di appoggiare la fronte a terra, per essere devoti a Dio, al proprio Creatore. Durante la preghiera canonica (Salat) vengono eseguiti un insieme di gesti rituali, movimenti e posizioni del corpo, accompagnati da letture del Corano ed invocazioni, ripetuti cinque volte al giorno, in direzione della Mecca, e preceduti da una purificazione simbolica (abluzione) di preparazione rituale della preghiera. Tutto ciò viene eseguito a casa o in moschea, in particolare al venerdì, giorno festivo per i musulmani.

La Gestualità della Preghiera
1 / 12 ◄   ► ◄  1 / 12  ► pause play enlarge slideshow
La Gestualità della Preghiera
Il momento del wuduu (abluzione, purificazione). L’abluzione è un passaggio fondamentale e obbligatorio di preparazione alla preghiera Foto Copyright Andrea Brintazzoli
La Gestualità delle Preghiera
2 / 12 ◄   ► ◄  2 / 12  ► pause play enlarge slideshow
La Gestualità delle Preghiera
Abluzione: purificazione simbolica di preparazione alla preghiera Foto Copyright Andrea Brintazzoli
La Gestualità delle Preghiera
3 / 12 ◄   ► ◄  3 / 12  ► pause play enlarge slideshow
La Gestualità delle Preghiera
Momento dell’abluzione, in particolare il lavaggio dell’avambraccio Foto Copyright Andrea Brintazzoli
La Gestualità delle Preghiera
4 / 12 ◄   ► ◄  4 / 12  ► pause play enlarge slideshow
La Gestualità delle Preghiera
Il momento del Duaa: è un atto di supplicazione. I musulmani con le mani alzate verso il cielo si rivolgono ad Allah. Il Profeta Mohammed definì il Duaa come l’essenza del culto. Esso può essere fatto per se stessi, per i propri famigliari, amici, conoscenti o anche per tutta l’umanità. Chi fa il Duaa può chiedere ad Allah ciò che più desidera Foto Copyright Andrea Brintazzoli
La Gestualità delle Preghiera
5 / 12 ◄   ► ◄  5 / 12  ► pause play enlarge slideshow
La Gestualità delle Preghiera
Il Takbir è la frase che sancisce l’inizio della preghiera seguita dal movimento delle mani che prima vengono posizionate dietro le orecchie e poi portate su torace, con la mano destra sopra la mano sinistra
Foto Copyright Andrea Brintazzoli
La Gestualità delle preghiera
6 / 12 ◄   ► ◄  6 / 12  ► pause play enlarge slideshow
La Gestualità delle preghiera
Posizione delle mani durante la preghiera, l’apostolo di Allah disse: “Pregate come mi avete visto pregare”
Foto Copyright Andrea Brintazzoli
La Gestualità delle preghiera
7 / 12 ◄   ► ◄  7 / 12  ► pause play enlarge slideshow
La Gestualità delle preghiera
Posizione delle mani durante la preghiera nel segno di speranza, calma e tranquillità Foto Copyright Andrea Brintazzoli
La Gestualità delle preghiera
8 / 12 ◄   ► ◄  8 / 12  ► pause play enlarge slideshow
La Gestualità delle preghiera
Durante la preghiera spalle e piedi devono toccarsi con quelle del vicino per non lasciare nessuno spazio vuoto. Preghiera collettiva del venerdì Foto Copyright Andrea Brintazzoli
La Gestualità delle preghiera
9 / 12 ◄   ► ◄  9 / 12  ► pause play enlarge slideshow
La Gestualità delle preghiera
L’ordine delle file richiesto durante la preghiera Foto Copyright Andrea Brintazzoli
La Gestualità delle preghiera
10 / 12 ◄   ► ◄  10 / 12  ► pause play enlarge slideshow
La Gestualità delle preghiera
Per concludere la preghiera, il Tashahud. Durante il Tashahud le mani sono appoggiate sulle ginocchia e solamente il dito indice della mano destra viene alzato Foto Copyright Andrea Brintazzoli
La Gestualità della Preghiera
11 / 12 ◄   ► ◄  11 / 12  ► pause play enlarge slideshow
La Gestualità della Preghiera
Durante il Sujud è importante che mani, naso, fronte e le dita dei piedi tocchino terra. In quel momento bisogna pronunciare per tre volte Sia gloria al mio Signore, l’Altissimo Foto Copyright Andrea Brintazzoli
La Gestualità della Preghiera
12 / 12 ◄   ► ◄  12 / 12  ► pause play enlarge slideshow
La Gestualità della Preghiera
Il Nobile Corano Foto Copyright Andrea Brintazzoli
loading